Archive from febbraio, 2020

San Valentino 2020

Programma per Venerdì sera: Cenetta intima, magari passo in rosticceria per un pollo allo spiedo. Il vino non potrà essere mediocre, tipo un Recioto di Valpolicella, un Brunello, anzi un Nebbiolo. Potrei portare la mia chiavetta di brani scelti, genere Smooth Jazz and Bossa Nova Cafe Music oppure ci guardiamo Panariello, Conti e Pieraccioni su RAI1. Non sarà banale passare insieme San Valentino, anzi sarà la scusa per scriverti su un biglietto…

Folling in love

#innamorati #cenaperdue #Bologna #sanvalentino

#innamorarsi #innamorati #cenaperdue #amore #Bologna #sanvalentino #arte #fidanzati #cultura #polloallospiedo #pollo #Nettunofoodporn #Bolognafoodporn #cenarosticceria #Bolognafoodblog #polloarrosto #nuovigusti #tiamo #frasiamore #buono #gusto #mangiareincasa #chickenfood #frasi #valentinesday #inlove #love

 

Auguri di Buon San Valentino

 

Feb 7, 2020 - musica    No Comments

Quante voci per Sanremo

Nel 2001 partecipai all’Accademia di Sanremo. Ancora oggi conservo il ricordo dell’emozione folgorante, provata nel calcare il palco dell’Ariston Roof. Ricordo l’impianto sonoro di diffusione fra i più sofisticati. Fu impressionante sentire la mia voce amplificata in maniera perfetta, efficace e raffinata. Il suono portato al livello più alto in assoluto. Era fine settembre e c’era un’atmosfera magica, creata da qualche centinaia di ragazzi che si aggiravano per le strade del Comune di Sanremo con appeso al collo il pass dell’Accademia. Tutti vivevano quella strana sensazione ovvero di appartenere al mondo dello spettacolo anche solo qualche istante. Per una settimana gli artisti provenienti da ogni parte d’Italia, dal pomeriggio fino a tarda notte si esibivano nei locali, bar, pub, improvvisavano vere e proprie Jam session. Perche’ Sanremo e’ Sanremo. Un sogno. Una magia. Un falso. Una rappresentazione culturale. Il Festival e’ uno spettacolo, forse il più discusso, seguito e criticato con tutti gli aggettivi possibili e immaginabili. Soprattutto oggi sui social. Una settimana intensa di eventi, di musica, di valori, colori e cultura. Nessun italiano guarda il Festival, ma tutti gli italiani vivono il #Festival. Dal totale menefreghismo alla critica più feroce. Tutti ne parlano, ne scrivono e commentano. L’intervento di Benigni diventa pesante e ingombrante quanto poetico ed eccelso. Amadeus viene identificato come il presentatore di pentole delle televendite degli anni 80 fino per diventare per alcuni il parente più prossimo che ogni sera tiene compagnia con le sue trasmissioni attraverso la televisione.sanremo8-001

Saremo

Teatro Ariston – Sanremo (2001) ph NR

Ogni anno sui giornali leggiamo degli scandali, dello sperpero di denaro, del conflitto d’interessi, degli eventi trascinanti oppure che destano scalpore per diventare trash. Toccare quella linea oltre la quale vi e’ la decadenza, la stupidita’, la sciocchezza, l’intolleranza, la maleducazione, l’indignazione ma che un attimo prima ti porta al successo. Successo che per gli addetti rappresenta un patrimonio economico importantissimo. Non importa se Sanremo e’ un monopolio quasi esclusivo dei proprietari della Sony. Non importa se ci sono delle ragioni politiche economiche, morali. Ognuno racconta, esprime le sue emozioni, vuole essere attore e partecipe del Festival anche vomitandogli addosso, oppure idolatrandolo.

Perche’ Sanremo e #Sanremo. Perche’ il Festival ha quasi la stessa eta’ dei genitori, dei nonni, di un cugino e per questo suo trascorso merita rispetto. Oppure e’ destinato a trovare posto in una casa di riposo. Comunque tutto questo e’ la rappresentazione di un nostro modo di essere, che mi e ci emoziona e ci fa dire con orgoglio sono felice di vivere qui.

Nicola Rizzoli