Archive from aprile, 2020

Concerto PRIMO MAGGIO 2020

musicaDopo trent’anni il concerto del Primo Maggio avrà un contesto atipico, per ovvie ragioni di salute non si terrà a Piazza San Giovanni in Laterano a Roma. La maratona musicale sarà trasmesso su Rai3 e RAIRadio2 in prima serata, maggior parte dei live saranno realizzati presso la sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dove è installato uno Stage e in giro per l’Italia, con collegamenti da Milano, Bologna, Firenze e Bassano. Così facendo si è potuto preservare il più possibile l’integrità e la sicurezza degli artisti.

https://www.primomaggio.net/

Ormai ci siamo, gli artisti che si esibiranno sono: Francesco Gabbani, Tosca, Paola Turci, Lo Stato Sociale, Gianna Nannini, Zucchero, Irene Grandi, Rocco Papaleo, Noemi, Alex Britti, Bugo, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Niccolò Fabi, Orchestra Santa Cecilia, Eugenio Edoardo Bennato, Cristiano Godano – Marlene Kuntz, Aiello, Le Vibrazioni, Francesca Michelin, Leo Gasmann, Dardust, Fasma, Fulminacci e Margherita Vicario. Sting e Patti Smith. Si collegherà anche Vasco da Bologna. Il filo conduttore lo reggerà Ambra Angiolini.

Verrà decretato il vincitore anche del concorso NEXT selezionati il 20 aprile 2020 i 4 finalisti da Roma ELLYNORA con “Zingara” LAMINE con “Non è tardi“ MATTEO ALIENO con “Non mi ricordo” e da Firenze NERVI con il brano “Sapessi che cos’ho”

Tra i finalisti vorrei segnalare Maru (Maria Barucco) che ha studiato liuteria a Cremona e autrice dal 2012, ha presentato il brano (prodotto da Bravo Dischi) dal titolo “Giorgia“:

Un testo e uno sviluppo musicale molto interessanti e piacevoli, una voce molto particolare. Ascoltando il brano in cuffia e chiudendo gli occhi mi è sembrato di entrare in una dimensione surreale: il mondo di Maru. I suoni e l’arrengiamento sembrano aprire “porte” in diversi contesti temporali, tipici della musica indipendente. Un’artista che racconta una sua storia, qualcosa che sicuramente vale la pena di condividere almeno una volta. Perdetevi sul suo canale YOUTUBE ad ascoltare i suoi brani, ne vale la pensa!

#NICOLARIZZOLI

Oltre ai link che trovate sparsi nel testo vorrei indicare il LINK del canale di MARU

Apr 30, 2020 - Senza categoria    No Comments

La musica che ci ha trasformato

bassoAres Tavolazzi contrabbassista jazz, ex basso degli Area e aver suonato con Demetrio Stratos regala un briciolo di esclusività nel mondo della musica. Aver accompagnato Francesco Guccini per più di trentacinque anni, collaborato con Paolo Conte, Antonello Venditti, Mauro Pagani, Zucchero, Dalla, Morandi, Capossela, Enrico Rava e Lucio Battisti lo rende quasi immortale. Poi c’è Alberto Camerini nato a San Paolo in Brasile nel 1951, l’anno in cui Leo Fender produce il primo basso elettrico. Divenuto celebre per i suoi brani pop che lo hanno rinominato “Arlecchino” per il suo costume colorato ma in stile quasi punk ela sua gestualità. Camerini è un cantautore di alto livello e lo dimostra intanti progetti in carriera. Nel 1977 decide di affidare il proprio lavoro alla produzione di Ares Tavolazzi e Giulio Capiozzo. É il suo secondo lavoro da solista e rimane qualcosa di veramente bello. Ricco di sonorità latine e brasiliane. Il titolo del lavoro è Gelato Metropolitano i temi rimangono attuali, si rivolgono alla politica per la salvaguardia dell’ambiente. Testi sviluppati da mano poetica, abile nelle metafore e quasi visionari.

Canzone della Bahia

C’era una popolazione che abbandonò la jungla su strane caravelle, dirette sulle stelle, forse fu per caso o per uno strano piano, ma sulla terra qui lasciarono questo mostro disumano. In pochi lo hanno visto, ma che c’è questo è certo, chi lo chiama rock’ n ‘ roll, chi lo chiama cammino aperto, quando l’avrò trovato allora potrò tornare, mi sarò soddisfatto e avrò il tuo amore.

Dal 1976 al 1978 Alberto Camerini pubblica da solista, altri due progetti con Cramps. Il primo è Cenerantola e il Pane Quotidiano tra i musicisti alle tastiere c’è Patrizio Fariselli. I suoni sono tipici della cultura brasiliana. L’ultimo è Comici Cosmetici prodotto da Shel Shapiro con cui inizia la nuova fase in cui utilizzerà suoni elettronici.

In quel periodo tra i cantautori di riferimento c’è niente di meno che Rino Gaetano che non lascia certo indifferenti con Berta Filava, Glu Glu, Mio fratello è figlio unico, Spendi spandi effendi e Nuntereggae più.

I suoni di Camerini sono gli ultimi ripresi in studio e la scelta di utilizzare musica elettronica risulta vincente infatti il successo negli anni 80 arriva con Rock’n’Roll Robot e Tanz Bambolina ma continua a scrivere canzoni intense come Serenella. Tra i miei ricordi è ancora vivo quando da bambino ballavo il twist elettrico mentre il mio giradischi che suonava la strofa:

Come faccio a dirti vuoi ballar con me Se non riesco a dirti voglio star con te

Ma come faccio a dirti che ti amo già Se non riesco a dirti vuoi ballar con me

poi ancora:

Oooh rock’n’roll robot, oooh rock’n’roll robot Io ti voglio, io ti cerco, io ti amo, rock’n’roll robot Io ti voglio, io ti cerco, io ti amo, rock’n’roll robot Oooh rock’n’roll robot

Ma in quegl’anni si iniziava a cantare anche:

Cuccurucucu paloma Ahia-ia-ia-iai cantava
Cuccurucucu paloma Ahia-ia-ia-iai cantava

poi ancora:

Mr Tamburino non ho voglia di scherzare Rimettiamoci la maglia i tempi stanno per cambiare …

#NICOLARIZZOLI

Apr 29, 2020 - cultura, musica, Spettacolo    No Comments

Facciamo il punto Cultura 2020

Non per dovere di cronaca ma per fare un piacere a qualche amico che opera nel settore spettacolo riporto il quadro generale al 29 aprile 2020 sperando sia cosa utile.
cuoreQuando viene istituito un tavolo, per una crisi o problematica in genere, si tiene conto del numero di persone da sovvenzionare o risarcire, il budget misurato in funzione delle disponibilità economiche dell’ente che deve rifondere, ovvero si verifica la giacenza di denaro e si calcola la divisione in base ai richiedenti. In questo caso si è calcolato un numero di matricole INPS con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 al medesimo Fondo, cui deriva un reddito non superiore a 50.000 euro, e non titolari di pensione” Questa diventa l’unità di misura individuata dall’amministrazione pubblica cioè la scelta politica di portare denaro ai cittadini con i requisiti, colpiti dall’emergenza. Ho letto molte lamentele sui social riguardo i 600 euro ritenuti un contributo troppo scarso, nei mesi di aprile e maggio è stato portato a € 800. Purtroppo o per fortuna questi denari sono stati assicurati.
Nel DPCM del 17 marzo 2020, detto più comunemente Decreto #CuraItalia sono state introdotte le misure per tutelare gli operatori del reparto cultura e sono stati messi a disposizione due fondi. Purtroppo al 29 aprile 2020 molti operatori non hanno ancora ricevuto nulla.
Il 24 aprile 2020 gli Assessori delle Regioni hanno prodotto un comunicato stampa, indirizzato al Ministro Franceschini che ha il mandato per la cultura e il turismo. Il rappresentante per l’Emilia Romagna è l’Assessore Mauro Felicori che si è insediato da pochi giorni (28 febbraio 2020).
Nel comunicato l’esecutivo viene invitato a un maggiore coinvolgimento delle Regioni e delle province autonome. Viene valutata positivamente l’adozione di ulteriori misure di sostegno al settore dei musei e dell’editoria, del cinema, degli artisti e dello spettacolo. Così come è ritenuto positivo l’intervento a favore dei soggetti “più indifesi” del settore, cui sono stati destinati 20 dei 130 milioni già stanziati col Fondo emergenza spettacolo. Viene richiesto di avviare un confronto Stato-Regioni, soprattutto a livello tecnico, per evitate una gestione centralistica del fondo o fondata sulla base di requisiti di attività minimi che suscitano diverse perplessità. Gli Assessori indicano di percorrere la strada della massima concertazione, evitando possibili contenziosi e sostenendo l’impegno delle Regioni a fianco degli operatori, degli artisti per una ripartenza della cultura orientata ad ampliare sempre più la platea dei fruitori.
A oggi la macchina burocratica pare si sia messa subito in moto ma tarda a dare i risultati. Sarebbe opportuno capire in concreto quali altri strumenti si vogliano adottare e quali promozioni si intendono attuare con i due Fondi messi a disposizione dal Governo.
È sicuramente vero che le aziende del settore devono accollarsi il rischio d’impresa ma un Paese civile deve affiancarle e supportarle perché la nostra cultura è patrimonio dell’umanità e non può essere abbandonata a se stessa. Le priorità sono al momento riguardanti la salute, occorre fare i primi passi tutti insieme e programmare una ripartenza che possa essere lo sprono per altri settori e il prodromo alla voglia di ripartire con slancio.

 

#NICOLARIZZOLI

Link del Comunicato

Riporto i provvedimenti e gli articoli riguardanti la cultura e lo spettacoli tratti dal sito  della gazzetta ufficiale .

Scarica il DPCM

Art. 38

(Indennità lavoratori dello spettacolo)

1. Ai  lavoratori  iscritti  al  Fondo  pensioni  Lavoratori  dello spettacolo, con almeno 30 contributi  giornalieri  versati  nell’anno 2019 al medesimo Fondo, cui deriva un reddito non superiore a  50.000 euro, e non titolari di pensione, e’ riconosciuta  un’indennità  per il mese di marzo pari a 600 euro. L’indennità di  cui  al  presente articolo non concorre  alla  formazione  del  reddito  ai  sensi  del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.
2. Non hanno diritto all’indennità di cui al comma 1 i  lavoratori titolari di rapporto di lavoro dipendente alla  data  di  entrata  in vigore della presente disposizione.
3. L’indennità di cui al presente articolo e’  erogata  dall’INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di  48,6  milioni  di euro per l’anno 2020. L’INPS provvede al  monitoraggio  del  rispetto del limite di spesa e comunica  i  risultati  di  tale  attività  al Ministero del  lavoro  e  delle  politiche  sociali  e  al  Ministero dell’economia e delle finanze.  Qualora  dal  predetto  monitoraggio emerga il verificarsi  di  scostamenti,  anche  in  via  prospettica, rispetto al predetto limite di spesa,  non  possono  essere  adottati altri provvedimenti concessori.
4 Alla copertura degli oneri  previsti  dal  presente  articolo  si provvede ai sensi dell’articolo 126.

Art. 88

(Rimborso dei contratti di soggiorno e risoluzione dei  contratti  di acquisto di biglietti per spettacoli,  musei  e  altri  luoghi  della  cultura)

1 Le disposizioni di cui all’articolo 28 del decreto-legge 2  marzo 2020, n. 9 si applicano anche ai contratti di soggiorno per  i  quali si sia verificata l’impossibilita’ sopravvenuta della  prestazione  a seguito dei provvedimenti  adottati  ai  sensi  dell’articolo  3  del decreto legge 23 febbraio 2020 n.6.
2. A seguito dell’adozione delle  misure  di  cui  all’articolo  2, comma l, lettere b) e d) del decreto del Presidente del  Consiglio  8 marzo 2020 e a decorrere dalla data di adozione del medesimo decreto, ai sensi e per gli effetti  dell’articolo  1463  del  codice  civile, ricorre la sopravvenuta impossibilita’ della  prestazione  dovuta  in
relazione  ai  contratti  di  acquisto  di  titoli  di  accesso   per spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici  e teatrali, e di biglietti di ingresso ai musei  e  agli  altri  luoghi della cultura.
3. I soggetti acquirenti presentano, entro trenta giorni dalla data di entrata in  vigore  del  presente  decreto,  apposita  istanza  di rimborso al venditore, allegando il relativo titolo di  acquisto.  Il venditore, entro trenta giorni dalla presentazione della  istanza  di cui al primo periodo, provvede all’emissione di un  voucher  di  pari importo  al  titolo  di  acquisto,  da  utilizzare  entro   un   anno dall’emissione.
4. Le disposizioni di cui ai commi 2 e 3  si  applicano  fino  alla data di efficacia delle misure previste dal  decreto  del Presidente del Consiglio 8 marzo 2020 e da eventuali ulteriori decreti attuativi emanati ai sensi dell’articolo 3,  comma l,  del  decreto  legge  23 febbraio 2020, n. 6.

Art. 89

(Fondo emergenze spettacolo, cinema e audiovisivo)

1. Al fine di sostenere i settori dello spettacolo,  del  cinema  e dell’audiovisivo a seguito delle misure di contenimento del COVID-19, nello stato di previsione del Ministero per i  beni  e  le  attività culturali e per il turismo sono istituiti due  Fondi,  uno  di  parte corrente e l’altro in conto capitale, per le  emergenze  nei  settori dello spettacolo e del cinema e audiovisivo. I Fondi di cui al  primo periodo hanno una dotazione complessiva di 130 milioni  di  euro  per
l’anno 2020, di cui 80 milioni di euro per la  parte  corrente  e  50 milioni di euro per gli interventi in conto capitale.
2. Con decreto del Ministro per i beni e le attività  culturali  e per il turismo, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge  di  conversione  del  presente  decreto,  sono stabilite le modalità di ripartizione e assegnazione  delle  risorse agli operatori dei settori, ivi inclusi artisti,  autori,  interpreti ed esecutori, tenendo conto altresì dell’impatto economico  negativo conseguente all’adozione delle misure di contenimento del COVID-19.
3. All’onere derivante dal comma 1, pari a 130 milioni di euro  per l’anno 2020, si provvede:
a) quanto a 70 milioni di euro ai sensi dell’articolo 126;
b) quanto a 50 milioni di euro a mediante corrispondente  riduzione
delle risorse del Fondo sviluppo e coesione di  cui  all’articolo  1, comma 6, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. Conseguentemente,  con Delibera CIPE si provvede a rimodulare e a ridurre di  pari  importo, per l’anno 2020, le somme già assegnate  con  la  delibera  CIPE  n. 31/2018 del 21 marzo 2018 al Piano operativo “Cultura e  turismo”  di
competenza del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.
c)  quanto  a  10  milioni  di  euro  a  mediante  riduzioni  delle
disponibilità del Fondo unico dello spettacolo di cui all’articolo 1 della legge 30 aprile 1985, n. 163.

Art. 90

(Disposizioni urgenti per sostenere il settore della cultura)

1. Al fine di  far  fronte  alle  ricadute  economiche  negative  a seguito  delle  misure  di  contenimento  del  COVID-19  di  cui   al decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, la quota  di  cui  all’articolo
71-octies, comma 3-bis, dei compensi  incassati  nell’anno  2019,  ai sensi  dell’articolo  71-septies  della  medesima   legge,   per   la riproduzione privata di fonogrammi e  videogrammi,  e’  destinata  al sostegno degli autori, degli artisti interpreti ed esecutori,  e  dei lavoratori autonomi che svolgono attività di riscossione dei diritti d’autore in base ad un contratto di mandato  con  rappresentanza  con gli organismi di gestione collettiva di cui  all’articolo  180  della legge 22 aprile 1941, n. 633.
2. Con decreto del Ministro per i beni e le attività  culturali  e per il turismo, di concerto con il  Ministro  dell’economia  e  delle finanze, da adottare entro trenta giorni dalla  data  di  entrata  in vigore  della  legge  di  conversione  del  presente  decreto,   sono stabiliti i requisiti per l’accesso al beneficio, anche tenendo conto del reddito dei destinatari, nonchè  le  modalità  attuative  della disposizione di cui al comma 1.

Art. 100

(Misure a  sostegno  delle  università  delle  istituzioni  di  alta
formazione artistica musicale e coreutica e degli enti di ricerca)

1. Al fine di far fronte alle straordinarie esigenze connesse  allo stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei Ministri in  data  31 gennaio 2020, e’ istituito per l’anno 2020 un fondo denominato “Fondo per le esigenze  emergenziali  del  sistema  dell’Università  delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e degli
enti di ricerca” con una dotazione pari  a  50  milioni  di  euro  da iscrivere nello stato di previsione del Ministero dell’università   e della ricerca. Con uno o più decreti del Ministro dell’università  e della  ricerca  sono  individuati  i  criteri   di   riparto   e   di utilizzazione delle risorse di  cui  al  precedente  periodo  tra  le università, le istituzioni di alta formazione artistica  musicale  e coreutica e gli enti di ricerca ed i collegi universitari  di  merito accreditati. Agli oneri previsti dal presente comma  si  provvede  ai sensi dell’articolo 126.
2. I mandati dei  componenti  degli  organi  statutari  degli  Enti pubblici di ricerca di cui all’articolo 1 del decreto legislativo  25 novembre 2016, n.  218,  ad  esclusione  dell’Istituto  Nazionale  di Statistica – ISTAT, sono prorogati,  laddove  scaduti  alla  data  di entrata in vigore del presente decreto ovvero in scadenza durante  il periodo  dello  stato  di  emergenza  deliberato  dal  Consiglio  dei ministri in data 31 gennaio 2020, fino al perdurare  dello  stato  di emergenza medesimo. Nel medesimo periodo  sono  altresì  sospese  le
procedure di cui all’articolo 11 del Decreto Legislativo 31  dicembre
2009, n. 213.
3. I  soggetti  beneficiari  dei  crediti  agevolati  concessi  dal Ministero dell’Università e della Ricerca a valere sul Fondo per  le Agevolazioni  alla  Ricerca  di  cui  all’articolo  5   del   Decreto
Legislativo 27 luglio 1999, n. 297 a favore di  imprese  con  sede  o unita’ locali ubicate nel territorio italiano,  possono  beneficiare, su richiesta, della sospensione di sei mesi del pagamento delle  rate con scadenza prevista nel mese di luglio 2020 e di un  corrispondente allungamento della durata dei piani  di  ammortamento.  Il  Ministero procede, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti  di Stato, alla ricognizione del debito, comprensivo di sorte capitale  e interessi, da rimborsare al tasso di  interesse  legale  e  con  rate semestrali posticipate. Agli oneri previsti  dal  presente  comma  si provvede ai sensi dell’articolo 126.

Art. 101

(Misure urgenti per la  continuità’  dell’attività  formativa  delle Università e delle Istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica)

1. In deroga alle disposizioni dei regolamenti di ateneo,  l’ultima sessione delle prove finali per il conseguimento del titolo di studio relative all’anno accademico 2018/2019  e’  prorogata  al  15  giugno 2020. E’  conseguentemente  prorogato  ogni  altro  termine  connesso all’adempimento di scadenze didattiche  o  amministrative  funzionali
allo svolgimento delle predette prove.
2. Nel periodo  di  sospensione  della  frequenza  delle  attività  didattiche disposta ai sensi degli articoli 1 e 3 del  decreto  legge 23 febbraio 2020, n. 6, le attività formative  e  di  servizio  agli studenti, inclusi l’orientamento e il tutorato, nonché le  attività di verifica dell’apprendimento  svolte  o  erogate  con  modalità a
distanza secondo le indicazioni  delle  università  di  appartenenza sono  computate  ai  fini  dell’assolvimento  dei  compiti   di   cui all’articolo  6  della  legge  30  dicembre  2010,  n.  240,  e  sono valutabili ai fini dell’attribuzione degli scatti  biennali,  secondo quanto previsto dall’articolo 6, comma 14, della  medesima  legge  n. 240 del 2010, nonché ai fini della valutazione, di cui  all’articolo 2, comma 3, e all’articolo 3, comma 3, del D.P.R. 15  dicembre  2011, n. 232, per l’attribuzione della classe stipendiale successiva.
3. Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano ai  fini della valutazione  dell’attività  svolta  dai  ricercatori  a  tempo determinato di cui all’art. 24, comma 3, lett. a) della legge n.  240 del 2010 nonché ai fini della valutazione di cui  al  comma  5,  del medesimo articolo 24  delle  attività  di  didattica,  di  didattica
integrativa e di servizio agli studenti, e delle attività di ricerca svolte dai ricercatori a tempo determinato, di cui all’art. 24, comma
3, lett. b).
4. Nel periodo di sospensione di  cui  al  comma  1,  le  attività formative ed i servizi agli studenti erogati con modalità a distanza secondo  le  indicazioni  delle  università  di  appartenenza   sono computati ai fini dell’assolvimento degli  obblighi  contrattuali  di cui all’art. 23 della legge 30 dicembre 2010 n. 240.
5. Le attività formative svolte ai sensi dei precedenti commi sono valide ai fini del computo dei crediti formativi universitari, previa attività  di  verifica  dell’apprendimento   nonché  ai  fini dell’attestazione della frequenza obbligatoria.
6. Con riferimento alle Commissioni  nazionali  per  l’abilitazione alle funzioni di professore  universitario  di  prima  e  di  seconda fascia, di cui  all’articolo  6  del  decreto  del  Presidente  della Repubblica  4  aprile  2016,  n.  95,   formate,   per   la   tornata dell’abilitazione scientifica nazionale  2018-2020,  sulla  base  del decreto direttoriale 1052 del 30 aprile  2018,  come  modificato  dal decreto direttoriale 2119 del 8 agosto 2018,  i  lavori  riferiti  al quarto quadrimestre della medesima tornata si concludono,  in  deroga all’articolo 8 del citato D.P.R. n. 95 del 2016, entro il  10  luglio 2020. E’ conseguentemente differita al 11  luglio  2020  la  data  di scadenza della presentazione delle domande nonché  quella  di  avvio dei lavori delle citate Commissioni per il quinto quadrimestre  della tornata 2018-2020, i quali dovranno concludersi entro il 10  novembre 2020.  Le  Commissioni  nazionali  formate  sulla  base  del  decreto direttoriale 1052 del 30 aprile 2018,  come  modificato  dal  decreto direttoriale 2119 del 8 agosto 2018,  in  deroga  a  quanto  disposto
dall’articolo 16, comma 3, lettera f) della Legge  240/2010,  restano in carica fino al 31 dicembre 2020. In deroga all’articolo 6, comma 1 del D.P.R. n. 95 del 2016, il procedimento di formazione delle  nuove Commissioni  nazionali  di  durata  biennale  per   la   tornata   di dell’abilitazione scientifica nazionale 2020- 2022 e’  avviato  entro il 30 settembre 2020.
7. Le disposizioni di cui al presente  articolo  si  applicano,  in quanto  compatibili,  anche  alle  Istituzioni  dell’alta  formazione artistica musicale e coreutica.

 

FINE

Tutti pazzi per Roddy Ricch

Negli anni ’70 nel nostro paese non è molto diffusa la cultura e la musica hip-hop, anzi viene criticato per la struttura musicale troppo scarna e la scarsa iniziativa melodica. Nei primi anni ’80 arriva all’orecchio degli italiani Rapper’s Delight Sugarhill Gang. Nel brano viene utilizzato il groove del basso di Bernard Edwards (Chic) suonato in Good Times e le natiche dei ballerini iniziano a muoversi e non smettono più. I temi trattati nel genere hip-hop, sono diversi, sono racconti popolari, un ritmo incalzante e in rima che si sviluppa su un linguaggio di strada. Fonda le sue radice nel blues, quel canto intenso nato sui campi agricoli delgli Stati Uniti durante lo sfruttamento degli schiavi. Passa per il R&B e arriva fino ai giorni nostri e nei testi dei rapper afroamericani continua a emergere un grosso senso di discriminazione razziale. È una cultura che ha radici profonde, radicate tra le generazioni passate che nessuno vuole dimenticare anche se spesso rappresentano il lato peggiore dell’essere umano.

Nel 2019 viene caricato su youtube il brano di Roddy Ricch giovane leva del movimento hiphop. Il titolo è “The Box“, il mood è tipico del genere musicale che ne rispecchia gli standard, senza particolarità, rispetto ai brani attuali. Il basso ha un suono largo, diretto e ben presente. Ciclicamente suona un loop di un verso in falsetto, un’astuzia per rendere virale all’ascolto il brano. Il testo spacca. Viene utilizzata spesso la parola “Nigga” ma è un brano rivolto a tutti, anzi è necessario per identificarne l’individualità. Il giovane californiano tira fuori dalla sua scatola magica un bel prodotto che porta 200 milioni di visite. Un bel numero! Del resto Atlantic Record non sbaglia a un colpo guarda chi ha in catalogo! Aretha Franklin, Chic, Phil Collins, Wilson Pickett, ColdPlay, Bruno Mars.

Roddy Ricch è nato nel 1998. A fine 2017 pubblica il suo primo lavoro: Feed Tha Streets. In questi due anni ha saputo racchiudere tutti gli ingredienti per far nascere nel 2019 un disco di successo Please Excuse Me for Being Antisocialcontenente 15 pezzi e una intro. I brani presenti in rete forano le visite con numeri moltiplicati per dieci con esponente sei: Down Below, Boom Boom Room, Every Season e tutti gli altri. Il ragazzo ha talento e tanto da raccontare con un ritmo incalzante, una timbrica vocale fresca e brillante, con bei colori piena di frequenze alte. Nei video ha gli atteggiamenti quasi impertinenti ma un sorriso da bravo ragazzo.

 

 

#NICOLARIZZOLI

 

https://www.youtube.com/watch?v=uLHqpjW3aDs

 

Apr 28, 2020 - Calcio, Serie A    No Comments

Cosa accadrà alla Serie A?

seriea1È possibile fare il punto della situazione?  Anche se i calciatori non potranno sputare in campo per ovvie ragione di salute pubblica, il campionato italiano potrebbe fermarsi e terminare con l’attuale classifica, oppure non essere assegnato perché incompleto. Alcune squadre hanno giocato anche una partita in meno. Lecce, Spal e Brescia saranno retrocesse? La Lazio poteva dare filo da torcere alla Juventus. Poi chissà quali scenari si sarebbero aperti per le squadre in corsa per l’Europa. Dal 4 maggio gli atleti professioni potranno allenarsi nei centri sportivi. Invece quali saranno le ipotesi per il 18 maggio, riguardo proprio gli sport di squadra? Sembra non ci sia ancora nulla di chiaro, neanche il contenuto del protocollo che sarà firmato con la FIGC. Ci vuole fermezza in questo momento ma anche cautela, i Ministri hanno il fiato sul collo. L’opinione pubblica invia tantissimi segnali e non sono milioni di input che confondono e basta. Per le società sportive si profila un danno economico senza precedenti, dovuto ai mancati incassi e per rifondere i tifosi e gli spettatori che non hanno goduto degli eventi. I diritti televisivi, gli ingaggi, tutto quello che rappresenta una voce di bilancio sono oggetto di discussione e preoccupazione. Danno che si propaga a tutto l’indotto che vive attorno al sistema calcio e che rappresenta una percentuale del PIL. Il Ministro Spadafora si trova di fronte alla scelta di riaprire o meno il campionato. Ha posto la domanda: Al primo infetto poi cosa succede? Le critiche si sprecano sui social, perché come nel primo conflitto in Italia ci dividiamo sempre tra interventisti e neutralisti. Non vorrei essere nei suoi panni. Il Governo fino a questo momento ha scelto di difendere i diritti di sicurezza sociale, dimostrando purtroppo diversi tentennamenti, ma chi può biasimarli, sono esseri umani e senza esperienza riguardo questa emergenza sanitaria mondiale. Rimane il dubbio e mille incertezze sul da farsi
Belgio, Olanda e Argentina hanno definitivamente sospeso il campionato, anche la Francia sembra aver preso la stessa decisione, almeno dovrebbe fermarsi fino ad agosto. Quindi rimane il grosso enigma delle decisioni che saranno prese riguardo le Coppe Europee. La Juventus è stata battuta agli ottavi dal Lione per 1 a 0, ma al Lione pare venga impedito la possibilità di giocare e allenarsi almeno fino ad agosto. Quindi chi passerà ai quarti? É tutto ancora avvolto nella nebbia. Quali decisioni prenderanno per la Lega Spagnola e per la Premier League?
Ognuno di noi ha un’idea unica e irripetibile. Grazie alla diffusione della cultura, ogni idea e pensiero è sicuramente frutto di un ragionamento razionale e con un profondo senso di umanità, ma nessuno ha la sfera di cristallo. Le decisioni prese avranno conferme con il trascorrere del tempo. Certo che in palio ci sono migliaia di vite umane e la salute di tantissime persone. Una cosa è certa del servizio sanitario italiano ci possiamo fidare, da qui emergerà il rimedio a questa crisi.
seriea
Gli italiani saranno sempre divisi tra interventisti e neutralisti. Visto che a tutti gli effetti siamo ancora parte di una comunità chiamata Europa e il campionato italiano ne prescinde per le coppe e per ciò che decidono gli altri paesi come ad esempio Olanda e Belgio.
Sarebbe da prendere una decisione unica, comune e definitiva. A livello politico la pressione di alcune società è molto forte, soprattutto da parte di quelle squadre che si stanno giocando una finale di Champions League. Queste decisioni tardano ad arrivare perché in ballo ci sono gli interessi di pochi.

Apr 28, 2020 - Calcio, Finali Mondiali    No Comments

SPAGNA CAMPIONE

FINALI MONDIALI IN SUD AFRICA 2010

Sud Africa 2010Chiusa l’era Trapattoni, anche per le modeste prestazioni dei Campionati Europei del 2004 disputati in Portogallo, la Nazione azzurra viene gestita dal Commissario Tecnico Marcello Lippi. Nei primi due anni il percorso è coronato dalla vittoria in Germania del Mondiale 2006.
I casi della sorte: il Mondiale organizzato in Italia nel ’90 è vinto dalla Germania e la competizione organizzata dai tedeschi nel 2006 è preda degli azzurri, come a scambiarsi il favore. Lippi ha dimostrato essere un grande allenatore ma dopo la vittoria, lungo il suo percorso trova uno ostacolo molto difficile da superare: La Spagna.

Il calcio spagnolo dopo un ciclo lungo e complicato si affermano in campo internazionale. Le furie rosse vincono i Campionati Europei nel 2008 eliminando agli ottavi gli azzurri di Marcello Lippi ai calci di rigore. Nel 2012 la Spagna vince ancora una volta il trofeo Europeo infliggendo un secco 4 a 0 alla nazionale azzurra, questa volta allenata dal CT Cesare Prandelli.

Nel 2010 riescono nella grande impresa di aggiudicarsi la Coppa del Mondo. L’ennesima finale risolta per 1 a 0 ai stempi supplementari. A regalare la grande gioia agli spagnoli è il gol di Iniesta un tiro diagonale dalla destra che batte Stekelenburg al 116 minuto.

La Spagna allenata da Del Bosque schiera un 4-2-3-1. Casillas tra i pali, S. Ramos, Piqué, Puyol, Capdevila, Busquets, Xabi Alonso, Pedro, Xavi, Iniesta,Villa. In panchina ci sono Reina, Valdes, Albiol, Marchena, Arbeloa, Martinez, Navas, Silva, Mata, Llorente, Fabregas e Torres.
Con lo stesso modulo l‘Olanda propone: Stekelenburg, Van der Wiel, Heitinga, Mathijsen, Van Bronckhorst, Van Bommel, De Jong, Robben, Sneijder, Kuyt, Van Persie. A disposizione ci sono: Vorm, Broschker, Boulahrouz, Ooijer, De Zeeuw, Schaars, Babel, Afellay, Huntelaar, Braafheid, Elia, Van der Vaart. Il CT è Van Marwijk. In tribuna c’era anche Nelson Mandela ad assistere alla finale.

La partecipazione al Mondiale 2010 è iniziata con una sconfitta per la Spagna che ha perso contro la Svizzera, ma successivamente le vince tutte quante: Honduras, Cile nella fase a gironi poi Portogallo, Paraguay e Germania. L’Olanda non ha perso un colpo, nove punti conquistati nel girone poi la vittoria contro Slovacchia, Brasile, Uruguay. Sarà destinata per la terza volta a classificarsi seconda. La finale è stata una partita equilibrata e spigolosa, come altre finali in stallo per la maggior parte del tempo regolamentare. Poi l’espulsione per somma di ammonizioni di Heitinga, ha fatto emergere il gioco spagnolo. Una vittoria di misura che basta a vincere il primo trofeo mondiale.

#NICOLARIZZOLI

 

Apr 27, 2020 - Senza categoria    No Comments

Eurovision: Europe Shine a Ligh

EurovisionIl Festival di Sanremo si svolge dal quattro all’otto di febbraio 2020 ed è l’ultimo grande evento aperto al pubblico a cui abbiamo assistito, prima del lockdown. Tramite youtube guardo il video del middle dei Ricchi e Poveri e provo un senso di nostalgia come se quel momento di aggregazione non potesse più tornare.

Il 19 febbraio c’è una lunga coda in Via D’azeglio, parte dal Bookstore e arriva fino a Via Farini. C’è Gabbani in libreria che firma copie del suo disco. In fila ci sono persone con in mano un cd dell’artista e mi chiedo se hanno ancora un elettrodomestico per poterlo ascoltare, ritengo più plausibile una ragazza che regge una versione in Vinile.

Due giorni prima, in via Oberdan al “Semm Music Store” è arrivato Diodato, il vincitore di Sanremo che con la chitarra, in acustico ha cantato “Fai Rumore”. Iniziare una promozione da milioni di euro e dopo quindici giorni trovarsi chiusi in casa per l’emergenza virus, è un danno economico senza precedenti. Non credo che riuscirà a raccogliere qunto ha investito.

Si annulla anche la possibilità di partecipare all’Eurovision, infatti quest’anno la manifestazione è stata cancellata. La tappa di Rotterdam non avrà luogo per ovvie motivazioni di tutela della salute pubblica. A sostituire l’evento è stato programmato: “Europe Shine a Light” in cui potremo riascoltare tutti gli artisti tra cui anche il brano “Fai Rumore” cantata da Diodato. L’appuntamento è fissato per il 16 maggio 2020, è possibile guardarlo dalle 20,35 su Rai 1, Radio 2 e RayPlay. Sul canale YOUTUBE possiamo assistere alle performance artistiche.

Diodato ha registrato all’Arena di Verona, in solitaria il suo pezzo. Inoltre eseguirà un tributo a Modugno che  partecipò a EuroFestival alla fine degli anni cinquanta.

L’edizione 2020 sarà un concerto on-line e non una gara, un format che riserverà molte sorprese e soprattutto darà voce, come del resto ogni anno, a cantanti e musicisti provenienti da tutta Europa per rappresentare stili, culture da molti Paesi.

La bellezza di questa manifestazione rimane la diversità e l’apertura a nuove idee. Tutto questo deve essere un forte segnale per sollecitare la macchina burocratica a valorizzare e sostenere il settore culturale.

 LEGGI ANCHE:
Apr 27, 2020 - anni 90, musica    No Comments

IL KARAOKE PASSIONE OPPURE COSA STUPIDA?

karaokeNato in Giappone poi diffuso in tutto il Mondo negli anni ottanta. In Italia ha ottenuto grande successo per merito della trasmissione intitolata “Karaoke” e condotta da Fiorello che tra il 1992 e il 1994 è andata in onda tutte le sere alle 20 su Italia1. Tutto quello che tocca Fiorello lo tramuta in oro e questo spettacolo televisivo è stato il suo trampolino di lancio.
In trasmissione sono passati anche Elisa e Tiziano Ferro.
Il karaoke è apprezzato moltissimo da chi ama cantare ma criticato da tantissimi musicisti. Una passione che ha diviso una generazione, inquinato cerimonie e matrimoni. I timpani e i nervi dei vicini sono stati lesionati dagli appassionati canto. Ha divertito migliaia di persone, in alcuni casi, regalato un sogno. Ha incrementato il numero di animatori, creando inflazione fra i musicisti che hanno sempre praticato la classica professione di piano-baristi. Infatti tutti lo snobbano, nessuno lo cerca, ma se l’animatore è bravo a coinvolgere e proporre i giusti brani, la serata diventa piacevole, a patto che chi si esibisce sia intonato. In Giappone riservano a questo intrattenimento piccole stanze, in modo che si riesca a evitare di rompere i timpani agli ospiti che amano non essere disturbati. In Italia invece se in un locale c’è il karaoke, chiunque debba per forza sorbirselo. Vi svelo un segreto: Se siete stati invitati a un matrimonio e il vostro tavolo risulta essere sotto le casse audio, probabilmente non risultate i più simpatici alla coppia che convoglia a nozze. Scherzo ovviamente, o forse no.
L’esercitare l’animazione al pubblico è sempre difficile. Riguardo l’intrattenimento comico e cabaret la risata è appesa un filo e ai lati ci sono l’indifferenza da una parte e la banalità dall’altra. La prestazione musicale è diversa, il dee-jay che programma le basi musicali è soggetto a mille richieste. In sala ci sono persone influenti (i genitori della sposa, gli sposi, chi festeggia la laurea, i parenti del festegg

Audioc

iato) che si alternano continuamente durante la serata a richiedere di alzare o abbassare il livello del volume. Riguardo l’esecuzione canora, viene spesso richiesta una variazione di tonalità che trasforma il suono delle chitarre elettriche in arpe oppure il giro di basso in un ukulele scordato. Cantanti che non azzeccano una nota anche provando 12 tonalità, quelli che provano a imitare il cantante preferito, quelli che cantano in inglese ma sembra abbiano una patata in bocca, quello che prova ad appoggiare il bicchiere di birra, mezzo vuoto, sulla pianola dell’animatore. Gli intrattenitori che dopo qualche ora che un cantante ha deciso di far l’alba con in mano un microfono, si sono rotti le scatole e si siedono a un a tavolo del locale, mangiano, bevono e dicono: Metti su quel che vuoi… canta canta.
Credo che la formula sia ancora molto coinvolgente: Un br

avo trascinatore che durante la cena coinvolge il pubblico con il karaoke per poi trasformarsi in dee-jay programmando musica per balli magari di gruppo, oppure è una moda superata?

Possiamo ritenerci fortunati, se fosse ancora un divertimento diffuso, ai tempi del #lockdown, le bacheche dei social sarebbero state piene di video di cantanti che avrebbero tentato di far presa sul pubblico, nonostante le scarse doti canore, meglio i chitarristi da balcone. Sempre che siano permessi nel prossimo #DPCM.

#NICOLARIZZOLI

 

 

 

Apr 26, 2020 - anni 90, anni80, Baggio, BFC, Bologna, Calcio    No Comments

I NUMERI DELLA SERIE A: LO SCUDETTO

numeriIl calcio moderno nasce in Inghilterra nella seconda metà dell’800, in un pub di Londra il Freemasons’ Tavern Great Queen Street. A incontrarsi sono i delegati di undici squadre, fondano la Football Association e si accordano sul primo regolamento ufficiale la data riportata è il 26 ottobre 1863. Viene distinto dal rugby in cui si vuole mantenere sia l’uso dei piedi che delle mani. Dai regolamenti di allora si evince che il calcio conserva ancora le caratteristiche di gioco molto spigoloso, infatti vengono tollerati calci e sgambetti ai possessori di palla. In Inghilterra lo sport si espande a macchia d’olio, viene praticato dagli studenti universitari. In Italia l’organizzazione del primo campionato risale al 1898. I primi tre campionati li vince il Genoa, ma a parteciparvi sono solo quattro squadre di Torino poi di Milano.

La Juventus ha vinto trentacinque titoli ufficiali, è ormai nota la revoca dello scudetto 2004-2005 dovuta allo scandalo “Calciopoli” del 2006 in cui si sono state coinvolte diverse squadre del campionato italiano. A eguagliare questo numero sono la somma delle vittorie delle due milanesi, che risultano essere diciotto a testa. L’Inter è l’unico club che non ha mai disputato la serie cadetta e come il Sassuolo non sono mai retrocessi. Il record per le vittorie consecutive è dei bianconeri che dal 2012 vincono il tricolore ogni anno. Il Genoa ha vinto nove scudetti, sei edizioni delle prime sette, in seguito se ne aggiudica altri tre.

Il Torino e il Bologna hanno entrambi vinto sette scudetti. Il torneo 1926-27 è stato oggetto del primo scandalo legato al calcio in quanto alcuni campioni hanno fatto in modo di perdere le partite per far vincere il Torino per ovvi motivi di denaro. Il Bologna anche se si classifica al secondo posto, si decide che il titolo non viene assegnato in quanto il torneo risulta falsato, ancora oggi dopo quasi un secolo è un tema dibattuto. A Bologna il 29 maggio 1927 è stato inaugurato il Litorale. Dal 1983 la struttura sportiva porta il nome di Renato Dall’Ara, il presidente morto il 3 giugno 1964, tre giorni prima la conquista dello scudetto della sua squadra. Infatti il Bologna il 7 giugno 1964 vincendo lo spareggio contro l’Inter per 2-0 si aggiudica il titolo.

Il Campionato del Bologna 1963-64 rappresenta il più alto ricordo tra i tifosi nati intorno agli anni cinquanta, che rammentano la formazione a memoria: Negri in porta Furlanis, Pavinato, Janich, Tumburus, Fogli, Bulgarelli, Perani, il tedesco Haller, il danese Nielsen, Pascutti; l’allenatore è Bernardini. Le immagini di quei momenti sono fissate nelle loro menti, diventano un’ancora per tornare indietro nel tempo, magari quando allo stadio ci andavano accompagnati dal padre. Il commento ricorrente è legato alla speranza di poter tornare a rivere quella gioia di allora che sembra essere più concreta dopo la presidenza Joey Saputo.

Anche la Pro-Vercelli vince sette scudetti e l’ultimo l’ottiene negli anni ’20. Il Casale vince nel 1914 e la Novese nel 1922. Nell’era moderna la classifica vede la Roma con tre; Napoli, Lazio e Fiorentina con due e con un titolo vinto, troviamo:

  • Il Cagliari di Gigi Riva vince il trofeo 1969-70 lasciandosi alle spalle Inter, Juventus e Milan, il Bologna si classifica decimo a pari punti con la Roma.
  • Il Verona allenato da Osvaldo Bagnoli compie un miracolo e si aggiudica il campionato 1984-85 Garella, Ferroni Volpati, Tricella, Fontolan, Briegel, Marangon, Fanna, Galderisi, Di Gennaro, Elkjær. Il Napoli acquista Maradona ma si classidica ottavo. La Juventus di Rossi, Boniek e Platinì giunge al sesto posto ed è concentrata sulla Coppa dei Campioni che arriva in finale contro il Liverpool. Purtroppo rimangono vividi in memoria i tristi eventi che hanno avuto luogo allo stadio di Bruxelles il 29 maggio 1985. Il Bologna arriva nono nella serie cadetta ma il 28 agosto 1985 riesce a battere il Verone Campione d’Italia nel Girone di qualificazione per la Coppa Italia ma non passa il turno.

 

La Sampdoria l’unico titolo lo vince nella stagione 1990-91. L’allenatore è il grandissimo Vujadin Boškov; la rosa è fenomenale: Pagliuca, Mannini, Invernizzi, Pari, Vierchowod, Pellegrini, Cerezo, Lombardo, Dossena, Vialli, Mancini. La Samp è prima davanti a Milan, Inter e Genoa. Il Parma di Nevio Scala è sesto. La Juventus è settima davanti a Napoli Roma Atalanta e Lazio. Il Bologna retrocede per la seconda e con la presidenza di Corioni e nel 1993 decretano il fallimento del club. Nel 1993 Giuseppe Gazzoni Frascara con alcuni imprenditori felsinei rilevano la società e fondano il Bologna Football Club 1909 ridando lustro alla squadra, portando in città giocatori del livello di Beppe Signori e Roberto Baggio.

#NICOLARIZZOLI

numeri1

Apr 25, 2020 - BFC, Bologna, Calcio, Una Storia    No Comments

25 aprile – Mai così vicini

DINO FIORINI – ARPAD WEISZ

Questa è la storia di uno sportivo che si consuma quasi un secolo fa. È però tinta di giallo e dopo tanto tempo se ne parla ancora. Dino Fiorini nasce a San Giorgio di Piano il 15 luglio 1915. Ha una grande passione: il giuoco del calcio. È molto veloce e cresce nelle giovanili del Bologna. Debutta in Serie A contro la Pro Patria a diciassette anni e undici mesi. Viene impiegato come difensore di fascia sinistra, è rapido e ha importanti doti atletiche; lo immagino efficace come il miglior Mitchell Dijks dei nostri tempi.

Mai Così ViciniDino Fiorini debutta l’11 giugno 1933. In forze al Bologna ci sono Biavati, Sansone e Schiavio che realizza 25-30 gol a stagione. È una società che punta ai primi posti in classifica. L’allenatore è un conte Ungherese: József Nagy. Il Bologna vince e diverte. Nel campionato di Serie A 1931-32 è secondo. Nel 1932 vince la Coppa dell’Europa Centrale, la Mitropa Cup.

La grande svolta della società avviene il 26 gennaio 1934, quando inizia la lunga presidenza Renato Dall’Ara. Il Bologna diventa campione della massima seria quattro volte nel decennio: 1936, 1937, 1939 e 1941. Nel 1937 vince il Torneo Internazionale dell’Expo Universale di Parigi, sconfigge i francesi del Sochaux, lo Slavia Praga e in finale segna quattro gol al Chelsea, subendone uno. È una vittoria rilevante, in quanto il calcio è un vanto e un’invenzione degli inglesi. Il Bologna diventa “lo squadrone che tremare il mondo fa!”

Nel 1935 il giovanissimo commissario tecnico del Bologna è Arpad Weisz. Nato in Ungheria, proveniente dall’Ambrosiana, dove ha vinto il torneo di massima serie nel 1930 e allenato un attaccante di pregio: Giuseppe Meazza. Weisz rimane a Bologna fino al 1938 prima di partire per l’Olanda. A causa delle leggi razziali trova rifugio nei Paesi Bassi allenando il Dordrecht. Purtroppo la storia ci ricorda che a quel tempo è considerato un crimine appartenere a una determinata etnia, viene arrestato e deportato prima a Westerbork poi ad Auschwitz dove muore tragicamente il 31 gennaio 1944. Quante gioie gli ha regalato il calcio e quante gliene ha tolte la crudeltà dell’essere umano.

Dino Fiorini è un incredibile terzino di fascia e Arpad Weisz lo descrive così: “Quando Fiorini salta per colpire il pallone di testa, sembra di vedere una scultura, talmente meraviglioso e perfetto è il suo stile” “Poderoso…Estroso…A tratti Insuperabile” “Ogni tanto adopera una finta con cui mette in imbarazzo i propri compagni di squadra” Quante gioie e quante soddisfazioni professionali. Quanti momenti vissuti in gruppo nello spogliatoio e quanti segreti.

Possibile che Dino Fiorini sia un militante scelto della Guardia Nazionale Repubblicana?
Si lo è! Proprio quel corpo dell’esercito che dà la caccia ai partigiani? Si proprio così!
Cosa significa essere schierato con i fascisti? Quindi avrebbe dovuto dar la caccia al suo allenatore? Durante gli anni del conflitto l’avrebbe dovuto portare in un campo di concentramento a morire di sofferenze e stenti? Qualcosa non torna. Dino Fiorini è stato ucciso a Monterenzio nel 1944 per mano della resistenza ma nei verbali, la moglie dichiara che Dino vuole unirsi a Mario Musolesi “Il Lupo” il comandante delle brigate partigiane.

In una bancarella in via Marconi, ho trovato un libro, scritto da Piero Stabellini è intitolato Dino Fiorini “Chi ha ucciso il terzino del Bologna?” È la ricostruzione storica biografica di questo atleta, un ragazzo che ha trovato la morte troppo presto, che le testimonianze di allora, non hanno chiarito i dubbi legati alla sua scomparsa. È deceduto per mano dei partigiani? Voleva unirsi a loro? Venne eliminato per motivi politici? È stato vittima di un omicidio passionale? Infatti aveva messo incinta la sua amante, una bolognese e il marito non si dava pace. Il corpo non è mai stato trovato. E’ possibile dare luce a quanto è successo?

È una storia tinta di giallo e dopo tanto tempo se ne parla ancora, soprattutto in giornate come questa, il giorno che ricorre alla Liberazione, Anniversario della Resistenza. La storia va studiata, capita, ricordata e mai rinnegata. Alcuni delitti non si cancelleranno mai. I fatti storici vanno analizzati, spiegati, studiati con metodo scientifico ma anche vissuti dal punto di vista umano. Il 25 aprile deve unire come ha fatto lo sport per tutte quelle persone. Mai così uniti, mai così vicini, come in questo periodo.

#NICOLARIZZOLI

 

Mai Così Lontani

Pagine:123»